1.17.2018

Jabberwocky

Fa sempre bene vedere un film di Terry Gilliam con i Monty Python.

"Era brilloso, e gli alacridi tossi succhiellavano scabbi nel pantùle Mèstili eran tutti i papparossi E strombavan musando i tartarocchi."

1.16.2018

Spezie, culture e storia

                                        “Non c’è motivazione sociale più forte della miseria”
Nel mondo e nella storia le spezie sono state percepite e vissute, annusate e assaporate, rincorse e cercate da uomini e culture che le hanno usate e interpretate in diversi modi, sempre culturalmente fondati. Le spezie, nella varietà di usi e significati molteplici che hanno acquisito nelle culture e per i popoli, sono state la polvere comune di incontro, scambio e mescolanza di anime e genti. Hanno costituito il miraggio e l’obiettivo a cui l’uomo ha sempre anelato nei secoli e forse è possibile dire che questo è accaduto proprio perché solo loro sono in grado di stuzzicare così vivacemente anche i sensi (nasi e palati) dei popoli più assopiti, allontanando gli insetti, hanno saputo ottenere l’effetto opposto con gli umani. E se è proprio attraverso i sensi, secondo una metafora che sarebbe stata cara a Le Breton, che assaporo il mondo, allora è grazie alle spezie che l’umanità ha assaporato territori e mondi lontani... Secondo le stime presentate da Chantal de Rosamel e Volkhard Heinrichs (2006), l’India, lo Sri Lanka e l’Asia del Sud-Est restano i grandi esportatori di spezie esotiche come cardamomo, zenzero, chiodi di garofano, noce moscata, macis e cannella. Noce moscata e macis (10-12 mila tonnellate annue) sono prodotti principalmente da Indonesia, Sri Lanka e piccole Antille. Il pepe (140 mila tonnellate) da Indonesia, India, Brasile, Malesia, Thailandia e Sri Lanka. I chiodi di garofano (19 mila tonnellate) a Zanzibar, Indonesia e Madagascar, a Réunion e in Brasile (70-80 mila tonnellate). Il cardamomo (9-10 mila tonnellate) in Guatemala, India, Sri Lanka, Honduras e Costa Rica. La cannella (33-35 mila tonnellate) in Sri Lanka, Madagascar, Seychelles. Lo zenzero in Brasile, India, Cina, Indonesia, Thailandia, Giamaica. Il peperoncino è prodotto in India, Cina, Pakistan, Thailandia, Africa occidentale e orientale. Furono le rotte spagnole tra America e Filippine e attraverso l’Europa a diffondere mondialmente le spezie. La vaniglia e il peperoncino americani finirono in Asia, Polinesia e nelle isole dell’oceano Indiano. 

“Nell’immaginario europeo non ci fu mai, e forse non ci sarà mai più, qualcosa di simile alle spezie” (Turner 2006, cit., p. 33).

“Tutto quanto scaturì dal desiderio. […] Dai sensi, dal cuore e dal seno dell’umanità; dai misteriosi regni del gusto e della fede. Nelle emozioni, nei sentimenti, nelle impressioni e nelle attitudini […] hanno avuto origine tutti i grandi eventi, tutti i drammi, le guerre, i viaggi, le gesta eroiche, ispirati alle spezie” (cit., p. 25). 

Manuale di spezieria
Azienda Sanitaria Locale della provincia di Brescia

Scarica qui il PDF

1.14.2018

Wolf Creek, la serie.

Dopo due film, finalmente lo spin - off  di Wolf Creek. Una caccia attraverso l'Australia misteriosa  nell'immensità e la magia dei suoi territori: Eve è in cerca dell'assassino della sua famiglia, ma Mick Taylor oltre ad essere un serial killer è anche un abile cacciatore. Chi sarà tra i due la preda e il predatore? Chi sarà alla fine la vittima, e chi il carnefice?

12.18.2017

Domenica d'agosto (1950)

Quando le suore leggevano Topolino ai bambini delle colonie.

12.08.2017

Frank again


"Mi sentivo malato da diversi anni, ma nessuno aveva individuato il problema. Poi sono stato davvero male e sono finito al pronto soccorso. In quell'occasione hanno fatto alcuni test e hanno scoperto che il cancro era lì da qualcosa come otto o dieci anni, crescendo senza essere rilevato da nessuno dei miei medici precedenti. Quando l'hanno scoperto, era inoperabile.“ da un'intervista a David Scheff per Playboy, aprile 1993; citato in Frank Zappa. For president!

Riferimento: https://le-citazioni.it/autori/frank-zappa/

"Sic!"

11.26.2017