3.22.2017

Fuoco nella polvere

"Quando la vita ti offre dei limoni, tu fatti una limonata"
Joe R. Lansdale



Un divertente "delirio" alla Lansdale, un weird west dove troviamo:Ned Buntline, Buffalo Bill, Toro Seduto, wild Bill Hickock il capitano Bemo, Dracula, Frankenstein, l'uomo di latta e tanti altri personaggi che dovranno cavarsela su di una misteriosa isola controllata dallo strano dottor Momo.

2.04.2017

Jack Davis il numero uno

"Sono stato così tanto tempo là fuori nella prateria che mi ero scordato come fosse l'aspetto di una bella ragazza".
Jack Davis, 1924 - 2016

1.19.2017

Compagni di scuola

Idioti mercanti di simpatia lottatori con poca classe infingardi compagni non lasciate che il tempo sia passato che gli anni non vincano sulla vostra immagine per ricordarvi con affetto senza rughe né calvi né canuti ma per sempre giovani stronzi

10.28.2016

10.04.2016

Un numero Imbarazzante

Ho aspettato con curiosità il numero celebrativo di settembre, a colori, della collana Zenith gigante di Zagor che si intitola Zenith 666, e che vede al suo esordio come nuovo copertinista, dopo la morte di Ferri, il talentuoso Alessandro Piccinelli. L'ho letto e l'aggettivo più magnanimo per deffinirlo è: imbarazzante: i disegni di Piccatto non funzionano, nonostante l'autore abbia già rapperesentato il west sulle pagine di Magico Vento, le sue anatomie non reggono il confronto con gli illustratori della serie, e l'apporto di Renato Riccio (Legion 75, edizioni Star comics) sembra irrilevante. Riguardo al testo di Mignacco per ora preferisco non pronunciarmi. Un albo celebrativo che sicuramente poteva e doveva essere molto più soddisfacente per i lettori dell'eroe di Darkwood. Ci sono così tanti bravi e meritevoli illustratori della serie che viene da chiedersi: ma davvero non poteva disegnarlo nessun altro all'infuori di Piccatto? E per celebrare Tiziano Sclavi, la storia doveva obbligatoriamente e quasi forzatamente contenere così tanti personaggi, citazioni e, oramai, inflazionatissimi Zombies e derivati del Signore degli anelli?! Mah!



Zagor N° 615
Titolo: Zenith 666, testi: Luigi Mignacco, disegni: Luigi Piccatto e Renato Riccio. Copertina: Alessandro Piccinelli, colori: Fabio Piccatto.



8.10.2016

Acquerelli e altro

Baron Samedì
Hiper
Lupo Rosso

Nazka

8.06.2016

Le strane historie di Bellocchio e Leccamuffo

Corrado Blasetti e Giovanni Sforza Boselli non saranno Goscinny e Uderzo gli autori di Asterix, ma sicuramente i loro personaggi più famosi: Bellocchio e Leccamuffo pubblicati sulle pagine de Il Giornalino delle Edizioni Paoline, non hanno niente da invidiare sia nei testi che nei disegni al lavoro dei cugini d'oltralpe. Divertenti e istruttive le picaresche avventure dei due personaggi, sono ambientate, come recita sempre la prima vignetta, tra l'alto e basso medioevo. I due compari, che a volte se le danno, e a volte le prendono, sono sempre alla ricerca del modo per riuscire a procurarsi un pasto che quasi sempre si rivelerà a base di rape. Figli degli anni '70, di un certo cinema di genere (Brancaleone), da cui prendono il linguaggio, e del clima del periodo rivisitato in chiave medievale, Bellocchio e Leccamuffo rappresentano, in una seconda chiave di lettura, l'italiano del sottoproletariato: indolente ma pieno d'inventiva pur di sbarcare il lunario. Vivendo divertenti e tragicomiche avventure. Il disegno di Boselli interpreta al meglio i testi di Blasetti tanto che i due dopo essersi conosciuti inizieranno una lunga e proficua collaborazione. Rifacendosi alla scuola franco-belga il lavoro del disegnatore scomparso nel 2007, è preciso e dettagliato, risultando sicuramente uno dei migliori segni del panorama fumettistico di quel periodo ma validissimo anche adesso. Considerando che i tempi di realizzazione di un fumetto per gli editori italiani (brevi) non sono quelli degli editori francesi e belgi (mooooolto più lunghi), Boselli va sicuramente ricordato e annoverato tra i grandi maestri del fumetto umoristico internazionale.
Qui la biografia di Corrado Blasetti, e qui la sua bibliografia. Qui la, breve, sic!, biografia di Giovanni Sforza Boselli. Mentre qui, Luca Boschi nel suo blog Cartoonist Globale ne parla, per fortuna, un po' più approfonditamente. Infine Davide Barzi ci presenta qui Boselli e il suo lavoro sotto forma di Abbecedario.