10.03.2008

Tra realtà, storia e finzione

Prendo spunto da un interessante post dell'amico Silvano, su Spike Lee, per ampliare il discorso e il mio punto di vista su realtà, finzione o mistificazione del cinema. Il regista non è uno storico e il cinema è pura finzione. Il regista deve raccontare una storia che tenga desta l'attenzione del pubblico e se pur partendo da fatti storici può tranquillamente inserire delle situazioni di pura fantasia. Inutile cercare di capire il nostro passato attraverso il cinema che lo filtra dandogli una dimensione che si discosta da quella reale; finalizzando il tutto a raccontare per immagini e dentro una realtà rivisitata con l'occhio di chi sta dietro la cinepresa. I film possono depistare con degli errori: uniformi, armi, mezzi di locomozione, ambienti, modo di parlare del periodo e frasi utilizzate nei dialoghi che spesso risultano fuori dal contesto storico, molte situazioni vengono cambiate... ad esempio nel bel film sulla "Rosa Bianca" Sophie Scholl va verso il patibolo senza nessuna lesione fisica, mentre storicamente è risaputo che la Gestapo le diede tante di quelle botte che davanti al tribunale del popolo ci arrivò con le stampelle. Nel criticatissimo film "la Caduta", il regista dà un immagine di Hitler e dei suoi satrapi forse un pò troppo smussata e addolcita. A mio parere ripetere un fatto storico tale e quale a come è accaduto nella realtà è impossibile ci si può solo avvicinare, per il resto meglio consultare i libri di storia di autori "seri", i documentari dell'epoca e le testimonianza di chi quei fatti li ha vissuti in prima persona... il cinema va preso per quello che è, imitazione della realtà, e non troppo sul serio: uno spettacolo d'intrattenimento che dà emozioni, ed informazioni che poi andrebbero sempre controllate e confermate. Lo so, suona un po' retorico e ci sarà anche chi afferma il contrario, in ogni caso: show must go on.

6 commenti:

silvano ha detto...

Condivido la tua analisi. I film non sono storia nè documentari.
La polemica è nata probabilmente perchè su questi temi in Italia è in corso una politica revisionistica, e perchè l'italia è un paese molto conservatore. Aggiungi che spesso la sinistra, ma direi meglio una parte della base della sinistra, pensa di essere illuminata ed allora è inevitabile gridare al lupo. In compenso quando il lupo c'è davvero, non lo vedono.
ciao, silvano.

calendula / trattalia ha detto...

la penso esattamente come te... non si pretenda di andare al cinema per conoscere la storia.

3fix ha detto...

In compenso quando il lupo c'è davvero, non lo vedono.
ciao, silvano.
C'è da dire altro?
@Calendula: concordo: andare al cinema per imparare la storia mi sembra alquanto restrittivo... conosco un tizio che non legge ed è convintissimo che ad attaccare Pearl Harbour siano stati i cinesi, che l'abbia visto al cinema?!

calendula / trattalia ha detto...

be al cinema cinesi e giapponesi sono uguali... poi magari non conosce le bandiere...io conosco persone che non leggono e che sono convinte di cose ancora più assurde....ma la peggiore ( a parer mio ) e una persona che conosco molto bene, che legge come una matta, continua a fare errori grammaticali..che neanche un bambino di 6 anni farebbe ed è di un'ignoranza granitica!!!

m@uo ha detto...

EFISIO!!!
Anzitutto mi si permetta un salutino!!
Se poi posso dir la mia in sifatto luogo ..direi che il problema che si pone è un altro.. Le teste pensanti ben pensano che un film non ritrae e non può farlo nemmeno volendo una realtà vissuta. Non può insegnare la storia. Ma non mi si neghi la straordinaria capacità divulgativa e di movimentare le masse. Vedi "Da Vinci Code" .. Ne è scaturito un interesse per l'opus dei.. Masse che non sempre stan lì a ragionare sulla storia e prendono per buona quella che gli si propone per noia od incapacità di andare a prendersi una semplice enciclopedia o cliccare su google.. Il rischio è perciò far credere ai più che le cose siano davvero andate così alimentando l'odio o per l'una o l'altra fazione.. Cribbio.. mi permetta.. ;D
Hasta EFI
Dall'alto del web io ti osservo ;D

3fix ha detto...

@Calendula: continua così.
@Mauo: ciao, piacere di leggerti nuovamente. Sì, il potere di condizionamento dei media è enorme. Credo che se ognuno ragionasse con la sua testa le cose forse andrebbero un po' meglio... Senti, a proposito, hai scoperto se, per caso, sono di sangue reale? (-____o)
A si biri.